Chiude l'Iresmo, Fanelli (PD): Totale mancanza di visione politica di questa classe dirigente"

1' di lettura 05/01/2023 - La mannaia politica del centrodestra molisano, dopo la sanità, l’economia e il sociale, ha preso di mira anche l’istituzione culturale più antica e rappresentativa della regione, l’Iresmo.

Un ente che, fintanto che la classe politica ci ha creduto, ha assicurato la continuità della ricerca storica, promuovendo decine di importantissimi studi, come quello sul paleolitico, sostenendo l’acquisto e la pubblicazione diretta di innumerevoli libri, portando la nostra storia nelle scuole, nelle università, tra la gente, promuovendo la consapevolezza e la coscienza del patrimonio storico della nostra regione.

Chiudere l’Iresmo rappresenta dunque il metro della sensibilità di questa classe politica, che nell’ultimo quinquennio ha ritenuto la cultura un sottoprodotto del turismo, annichilendo la ricerca e lo studio e quindi la funzione principale stessa dell’Iresmo, ridotto a un solo dipendente e senza più mezzi e personale per assicurare lo svolgimento della propria funzione.

In Molise dunque, per colpa del centrodestra, la storia e la cultura, che sono determinati per la costruzione del futuro, non hanno più un ruolo e un valore istituzionale e chiudere l’Iresmo palesa in modo chiaro ed inequivocabile la totale mancanza di visione politica di questa classe dirigente che, da cinque anni a questa parte, non solo non ha risolto nemmeno un problema, ma ha invece avuto al capacità di peggiorare tutto il peggiorabile, portando il Molise al punto istituzionale, sociale, economico e culturale più basso della sua storia.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-01-2023 alle 11:24 sul giornale del 07 gennaio 2023 - 12 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dLGG





logoEV
qrcode